Risotto al tastasal a Dublino? Si può fare!

Risotto al Tastasal - WanderGirls Italia

Ila, vieni qua, guarda cos’ho portato da Verona”.

Sguardo complice e compiaciuto, il mio conterraneo apre il frigo e, da Dublino, mi teletrasporta direttamente alla Sagra del Riso di Isola della Scala: il frigo è pieno di tastasal, pronto a dar vita ad uno dei primi piatti più tipici della tradizione veronese, il risotto al tastasal, appunto.

Per chi non l’avesse mai assaggiato, il tastasal è un impasto di carne di maiale macinata, salata e pepata, dal quale nascono altre prelibatezze, come la sopressa, il salame e le salamelle. E si chiama così perché, usarlo per condire il risotto, era il metodo con cui le massaie testavano la pasta dei salumi prima di insaccarli: tasta (assaggia, in dialetto veneto) sal (sale).

Che sia il primo piatto ideale per giornate autunnali non c’è dubbio. Mi rendo conto, però, che, soprattutto per chi vive all’estero, andare fino a Verona per assaggiarlo non è proprio semplicissimo, ed è per questo che ho provato a creare una versione a prova di expat.

Pronti? Partenza, tastasal!
INGREDIENTI (4 persone)
  • 440 grammi di riso Vialone Nano
  • 350 grammi di tastasal o carne di maiale macinata (pancetta e spalla) o salsiccia di maiale
  • 1 litro di brodo di carne
  • 80 grammi di burro
  • 1 cipolla bianca, aglio e noce moscata
  • formaggio Grana Padano
  • sale,  pepe e rosmarino
PROCEDIMENTO

Cuocete il tastasal o la salsiccia di maiale nel burro, con la cipolla tagliata finemente, il rosmarino e uno spicchio d’aglio.

A fine cottura salate e pepate a piacere ed aggiungete un po’ di noce moscata.

In un’altra pentola tostate il riso. Gettatelo a secco in una casseruola abbastanza grande per far sì che sia distribuito bene, mescolando in continuazione per 2/3 minuti e aggiungete il brodo un po’ alla volta.

A 3 minuti dalla fine della cottura aggiungete il tastasal con i suoi sughi, mescolate ed aggiungete ciò che rimane della noce moscata. Le spezie aiutano a smorzare il sapore intenso del maiale.

A fine cottura mantecate con il formaggio grana, lasciate riposare un po’ e servite accompagnando con un ottimo vino rosso.

Il vostro risotto al Tastasal è pronto!

Rispondi