Morena Vagnoni

Morena Vagnoni

Una volta che hai viaggiato, il viaggio non finisce mai, ma si ripete infinite volte negli angoli più silenziosi della mente.

La mente non sa separarsi dal viaggio. (Pat Conroy)

CHI. Mi chiamo Morena e sono una WanderGirl.

Sono una persona estremamente dinamica, spontanea e anticonformista. Mi annoia la routine, amo interagire e sono sempre attratta dalla voglia di scoprire, vivere e capire il resto del mondo fuori dall’uscio della mia porta.

Fin da piccola, mi ha sempre affascinato conoscere gente nuova e viaggiare. Il mio primo viaggio all’estero é stato a Londra, con una ragazza conosciuta in chat.

DOVE. Sono nata nella provincia di Ascoli Piceno 37 anni fa, una città immersa tra bellezze artistiche ed architettoniche.

Dopo aver affrontato ad Ascoli Piceno gli studi sul turismo – indirizzo scelto per imparare le lingue e scoprire il mondo in tutte le sue forme – mi viene offerto un contratto di lavoro nel commercio e, sebbene ci fosse la voglia di realizzare i miei sogni viaggiando, la mia famiglia aveva bisogno del mio aiuto.

Dopo aver svolto diverse esperienze lavorative in città, ho ricevuto un’importante opportunità di crescita professionale in un’azienda al nord delle Marche, a pochi passi dalla riviera adriatica. Decido di trasferirmi e scelgo di andare a vivere da sola, spinta in particolar modo dall’amore che ho per il mare, che con il suo rumore ed odore di salsedine, mi rilassa.

Grazie a questa esperienza “fuori porta”, ho avuto la possibilità di conoscere e scoprire tanti luoghi meravigliosi, offerti dalla mia regione ed incontro il mio attuale fidanzato, il quale, dopo pochi anni, considerata la situazione lavorativa precaria della mia e della sua azienda, mi propone di lasciare l’Italia e costruire un’esperienza di vita diversa.

COSA. Cominciamo a programmare un viaggio a Bruxelles. Avevamo sentito parlare molto bene di Bruxelles, ma non conoscevamo nessuno che ci vivesse. Ci iscrivemmo cosi’ ad gruppo Facebook per leggere e carpire un po’ di informazioni utili, mentre sfogliavamo i libri di francese.

Nel 2014 siamo partiti con un biglietto di solo andata, lasciando un lavoro a tempo indeterminato e uno determinato e prenotando solo due notti in couchsurfing a casa di un fiammingo.

Con noi c’erano solamente due valigie piene di vestiti, di coraggio, entusiasmo, motivazione e qualche ansia.

Dall’11 marzo dello stesso anno cominciò la nostra avventura; quell’avventura  che, forse, avevo rifiutato appena terminati gli studi. Essendo anche un pò fatalista, penso che la vita abbia un disegno per tutti noi che ci ripropone quando lo schiviamo, fino a farcelo scegliere. Non importa quando. 

Quest’esperienza é una moltitudine di emozioni ed energia che sussultano e tumultano ogni giorno. Oggi mi sento come una farfalla e sono felice di aver spiccato il volo, il volo della liberta’, la liberta’ di seguire la mia bussola interna.

PERCHE’. Il progetto WanderGirls Italia mi dà la possibilità di raccontare le esperienze che vivo nella mia seconda patria, il Belgio, e  di condividere il mio girovagare per il mondo.

Insieme ad un gruppo di donne, unite dallo stesso obiettivo, saremo una squadra “fortissima”!

Potete seguire le mie avventure attraverso il mio profilo Instagram: https://www.instagram.com/unicamorena/?hl=it  

Consulta tutti i miei articoli per WanderGirls a questo LINK.