Laura Baileni

laura baleni wandergirls italia

“Ho letto da qualche parte che nella vita importa non già di essere forti, ma di sentirsi forti. Di essersi misurati almeno una volta, di essersi trovati almeno una volta nella condizione umana più antica, soli davanti alla pietra cieca e sorda, senza altri aiuti che le proprie mani, e la propria testa” – Into the wild.

CHI. Lo sto ancora scoprendo!

Iniziamo col dire che mi chiamo Laura, e che ho sempre sognato “l’America” quella dei film, quella degli armadietti a scuola che tanto avrei voluto, quella delle macchine decappottabili sulla route 66.

I social media e Facebook soprattutto mi hanno cambiato la vita. Prima hanno portato dalla ventiduenne demoralizzata dall’ambiente circostante che sognava ad occhi aperti, a trovare una persona sconosciuta che mi ha detto “hai mai pensato a Vancouver?”.

Poi mi ha fatto trovare la famiglia canadese ospitante che sarebbe diventata la mia seconda famiglia e che mi ha portato a poter vivere in Canada all’età di 23 anni con un inglese minimo. Successivamente mi ha fatto aprire una pagina Facebook sulla mia esperienza che e’ stata vista dalla mia ora collega e stravolto la carriera.

Infine eccomi qua, tre anni dopo, a lavorare nel marketing come Project Administration Officer in centro a Vancouver, aiutando persone come me a venire in Canada. Tutto grazie alla mia pagina Facebook che era nata per gioco tre anni prima, quando il tutto era solo una breve avventura.

DOVE. Nata a Torino e cresciuta nella provincia del canavese, il mio primo viaggio all’estero e’ stato all’età di 18 anni, a Barcellona, in gita scolastica.

Il sogno di viaggiare però, quello c’è sempre stato.

Tre anni dopo ero in volo verso il Canada, io che non sono neanche mai stata a Parigi e che a malapena capivo due parole in inglese, stavo mollando tutto per l’esperienza che mi avrebbe cambiato la vita, pur non sapendolo ancora.

COSA. Vi parlerò della mia vita prima e dopo l’espatrio, della parte dura, quella che non sempre si racconta, ma anche delle cose buffe, le differenze culturali che mi divertono tanto, e come credere in quello che si sogna mi abbia cambiato la vita.

Vi mostro la me nuda e cruda. Pronti?

PERCHÉ. Per lo stesso motivo per cui l’ho sempre fatto: per smuovere qualche pensiero dormiente in chi come me, ama viaggiare ma ha paura, e per far capire che chi va all’estero non e’ per forza il laureato in Biochimica.

Se ce l’ho fatta io, ce la potete fare anche voi! Never give up!

Potete trovare la pagina Facebook da cui e’ iniziato tutto qui: https://www.facebook.com/canadawhvex/

Potete scoprire come potermi raggiungere in Canada sulla mia pagina di lavoro qui: https://www.facebook.com/uvanuvancouver/