Ibiza hippie: un’avventura in van

Ibiza - WanderGirls italia
Per i nostalgici degli anni ’60/’70, per chi è un po’ hippie dentro e per chi si sente un po’ figlio delle stelle alla Alan Sorrenti, la vacanza perfetta è quella in van.

Libertà assoluta di poter andare dove si desidera, fermarsi quando pare e piace, stare a contatto con la natura, addormentarsi sotto il cielo stellato e risvegliarsi con il rumore delle onde.

È iniziata totalmente a caso questa avventura condivisa con Giovanna, amica e collega di lavoro alla scoperta di una delle isole più magiche delle Baleari: Ibiza.

L’isola è famosa (oltre che per la vita mondana) per l’energia che trasmette a tutti coloro che si avvicinano alla sua terra e per il movimento hippie che pare essere nato proprio lì.

Mosse dalla curiosità, io e Giovanna siamo partite con l’intenzione di vivere l’isola da un punto di vista diverso dal solito.

Abbiamo affittato una “furgoneta” e abbiamo fatto di lei il nostro hotel.

Ibiza - WanderGirls italia

Abbiamo percorso l’isola da cima a fondo, dalla costa all’entroterra.

Tutto ciò che ci serviva, o meglio “l’essenziale”, era rinchiuso in questo piccolo spazio a 4 ruote.

Una settimana molto minimal, ma unica.

Ci ha fatto comprendere come nella quotidianità ci circondiamo di cose pressoché inutili.

Abbiamo dovuto ricorrere a piccoli accorgimenti e tirare fuori il nostro spirito di adattamento, ma rifarei tutto domani, anche spingere il furgoncino in quel torrido pomeriggio in cui la batteria ha deciso di abbandonarci!

Qualche piccolo disagio, tante risate e molta spensieratezza: la mattina nessuna sveglia, solo il rumore della natura e del mare, mappa alla mano e: “dove si va oggi?”.

Modalità on alla nostra terza compagna di viaggio, una playlist studiata ad hoc e poi via alla ricerca di calette, riserve naturali, spiagge, villaggi interni, grotte e tramonti da film.

Ibiza - WanderGirls italia

Abbiamo creato un itinerario tutto nostro, cucito a mano dalle nostre emozioni.

Da cala Salada a cala Comte, passando per la Riserva di ses Salines fino a Cala Bassa, Cala d’Hort e cala Tarida solo per citare qualche spiaggia consigliatissima.

Seguendo il ragazzo che ci aveva gentilmente affittato il van, nelle vicinanze di Cala Comte (passando per strade dissestate) siamo arrivate ad una grotta, accessibile grazie a una scaletta un po’ nascosta.

Lì abbiamo assistito ad un tramonto incredibile.

Ibiza - WanderGirls italia

All’interno della caverna che affaccia sul mare, è possibile sedersi sulla roccia e godersi lo spettacolo.

Il ritorno alla “terra” potrebbe esser difficoltoso per la mancanza di luce, ma è proprio grazie a questo che quella notte, il cielo ci ha regalato un tripudio di stelle.

Il mio tramonto preferito però rimane quello di Cala Benirás: viene scandito dalla musica tribale/chill out suonato dagli abitanti della zona.

È qui che la magia di Ibiza ti avvolge nel vero senso della parola.

I colori del cielo si riflettono nel mare e i tamburi accompagnano il sole che scompare all’orizzonte.

Ibiza - WanderGirls italia

È una tradizione che si porta avanti dagli anni ’70, quando in questa caletta avevano luogo gli eventi hippie più belli, nello stesso punto dove ora troviamo mercatini e bancarelle che seguono questo stile.

Un altro tramonto famoso è quello del mirador che si trova di fronte a Es Vedrá, un misterioso isolotto roccioso, luogo emblematico e sorta di “polo energetico”.

Dicono faccia perdere l’orientamento agli uccelli e “spegnere” la tecnologia.

Esattamente davanti si trova Atlantis, una grotta difficile da raggiungere, per questo uno dei segreti di Ibiza è proprio la sua posizione.

Negli anni ’60 era un punto di ritrovo hippie, oggi è una meta ricca di simboli mistici e rituali.

Il vero problema sta nel raggiungerla: in auto si può arrivare fino ad un parcheggio vicino a Cala d’Hort (un po’ nascosto) e poi camminare lungo il sentiero finché ad un certo punto si apre una discesa ripida e sabbiosa che porta verso Atlantis.

L’inizio della discesa è segnalato da un rituale composto da rocce.

Si tratta di mezzora circa di cammino e il ritorno in salita è piuttosto faticoso dato il terreno arenoso.

Ibiza è un’isola dalla doppia anima: tanto urbanizzata e consumistica quanto selvaggia e “peace&love”.

Non è stato difficile infatti trovare un posto dove passare la notte: è facile imbattersi in parcheggi tranquilli più vicini “alla civiltà” o improvvisati nella natura o di fronte al mare.

Il viaggio on the road in pieno stile hippie non solo è possibile, oserei dire quasi necessario per conoscere l’Ibiza vera e intensa che profuma di anni ’60.

Ibiza - WanderGirls italia

“Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di febbraio 2019 indetto dal blog Trippando

9 Comments on “Ibiza hippie: un’avventura in van”

  1. Ciao Alessia c’è modo di contattarti in privato per avere maggiori informazioni? Stiamo organizzando un viaggio a Ibiza con il van ma abbiamo un po’ di domande. Grazie. Chiara

Rispondi