È San Patrizio, bellezza!

Vestitevi di verde, armatevi di trifogli, e preparatevi per la festa di San Patrizio!

Lá fhéile Pádraig sona dhuit! Elfico? No… L’antico idioma dei draghi? Acqua!

Vi sto semplicemente augurando Buon San Patrizio in Gaelico!

Ebbene sì, il giorno fatidico è arrivato anche quest’anno: liberate il Leprecauno che è in voi e festeggiate il santo, come solo gli irlandesi sanno fare!

Prima di tutto, un po’ di storia.

Ho chiesto a Google da dove nasce questa celebrazione – gli Irlandesi pensano solo a far festa, non si chiedono il perché – e, a quanto pare, il 17 Marzo di tanto tanto tempo fa, San Patrizio moriva, dopo aver convertito i pagani irlandesi in Cristiani.

Detto ciò, ecco le istruzioni per l’uso, per festeggiare come si deve il patrono dell’Isola di Smeraldo.

Indossate abiti o accessori verdi, possibilmente con qualche trifoglio qui e lì.

Pare, infatti, che quest’ultimo sia entrato nella cultura irlandese proprio perché il Santo lo utilizzò per spiegare la Santa Trinità ai pagani.

Durante tutto il weekend, l’Irlanda si trasforma in Mille Sfumature di Verde, persino negli uffici!

IMG_0268

Se siete a Dublino, partecipare alla parata è d’obbligo!

Ogni anno, la domenica di San Patrizio, un’immensa sfilata di carri allegorici, suonatori di musica celtica, cornamuse e ragazze pon pon, parte dal centro in Parnell Square, continua in O’Connell Street, passa il fiume, tocca il Trinity College, arriva alla chiesa di San Patrizio e finisce in Kevin Street.

Ecco qui il tragitto preciso. Ovviamente dovete indossare qualcosa di verde!

Se vi trovate, invece, nelle altre città irlandesi, non disperate, anche nei villaggi più piccoli, ci sarà sicuramente qualche iniziativa degna di nota: il weekend del 17 Marzo l’Irlanda intera si ferma, si veste di smeraldo ed esce per le strade a far festa.

Ci sono parate anche a Galway, a Belfast e a Cork.

Se incappate in uno show di danza irlandese fermatevi, vi assicuro che ne vale la pena! L’anno scorso io e una mia amica, in preda ad un attacco di freddo, a metà parata abbiamo sentito la necessità di qualcosa di mangiare qualcosa di caldo e siamo entrate in un piccolo centro commerciale.

Siamo state così fortunate da assistere all’esibizione di una coppia di ballerini: muovevano i piedi così velocemente da far venire il mal di testa!

Sarà che adoriamo entrambe la musica celtica, ma eravamo talmente entusiaste da aver considerato di iscriverci ad un corso!

Dopo una giornata al freddo e al gelo – welcome to Irelandla serata in un pub è d’obbligo!

Se amata la birra potrete rilassarvi davanti ad una Guinness e mangiare qualcosa di caldo e comforting, ascoltando dell’ottima musica dal vivo.

Non dimenticate di riscaldarvi con un Irish Coffee, ma solo se amate il Whiskey e non dovete guidare!

Qualche suggerimento a Dublino?

IMG_0392

Ultima dritta, per chi non è un grande fan della confusione, della birra e delle parate: un’ottima alternativa per scoprire un altro lato dell’Irlanda, è il Prawn Festival di Howth.

In questo piccolo villaggio di pescatori a 15 minuti di treno da Dublino, ogni anno, durante il weekend di San Patrizio, si svolge un fantastico Festival dei Gamberi, dovete potete darvi alla pazza gioia, gustando frutti di mare, fish and chips e molto altro ancora.

Che ne dite? Vi sentite pervasi dallo spirito irlandese? E allora Sláinte e che la festa abbia inizio!

Rispondi