Come rifiorire dalla guerra: Il Carnevale dei fiori di Toowoomba

Carnevale Toowoomba - Wandergirls italia

Nel corso della storia sono stati diversi i tentativi e le misure adottate dai vari paesi per risollevarsi dal collasso economico causato dalle guerre, soprattutto dalle due Guerre Mondiali.

Quello di Toowoomba è sicuramente uno dei piani più variopinti e profumati.

Prima di tutto bisogna sapere che la città di Toowoomba (Queensland, Australia) ha costruito la sua reputazione nel corso degli anni, fino a diventare nota come Città giardino, proprio per la grande quantità di esposizioni floreali presenti nella città.

Ci sono tantissimi giardini in cui godere della vista di numerose varietà di fiori e piante, dai giardini giapponesi, alla Spring Bluff Railway Station che è stata mantenuta fino ad oggi così come è stata curata nel 1914, quando le ferrovie del Queensland lanciarono una gara di giardinaggio.

Ma definirla reputazione è riduttivo se si pensa che, in realtà, è stato proprio ciò che ha letteralmente salvato l’economia della città.

Infatti, puntando tutto sulla sua fama di City of garden, nel 1949 viene introdotto da un’idea di Essex Tait e della camera di commercio di Toowoomba il Carnevale dei Fiori come mezzo di promozione della città, così da risollevare l’economia in seguito alla devastazione che la guerra aveva causato.

Il 21 Ottobre 1950 il primo Toowoomba Carnival of flowers iniziò con una processione in strada di numerosi carri, tutti addobbati con temi floreali, che si estendeva per cinque chilometri.

Carnevale Toowoomba - Wandergirls italia

Con una folla di 500.000 persone si è rivelato essere un clamoroso successo.

Il carnevale dei fiori non ha mai perso la sua popolarità, infatti è tuttora un evento molto noto, sviluppato in tre giornate all’insegna del cibo, dei prodotti locali, vini regionali, intrattenimento, divertimenti di ogni tipo per grandi e bambini.

Insomma, tutte componenti che contribuiscono ai festeggiamenti della primavera e che convergono nella grande sfilata di carri, costumi, artisti di strada, personaggi di carnevale e maschere artigianalmente preparate, tutto rigorosamente a tema floreale.

Bisogna sottolineare che la nomea di cui gode la città è del tutto meritata, basti pensare che il consiglio regionale di Toowoomba ha un team dedicato di persone che progetta e pianta bellissime esposizioni floreali in specifiche aree dei parchi cittadini.

Ogni anno oltre 150.000 semi, bulbi e fiori vengono piantati nei momenti chiave per assicurare lo spettacolo meraviglioso che ogni primavera fa sbocciare.

Al lavoro della comunità si aggiunge anche quello dei singoli cittadini, alcuni dei quali curano e vestono i loro giardini di fiori e permettono al pubblico di visitarli e apprezzare il loro duro lavoro attraverso il concorso annuale nominato The Chronicle.

Attenzione, però, a non farvi ingannare dal periodo dell’anno.

Ricordatevi che nell’emisfero australe tutto è un po’ sottosopra, stagioni comprese; se volete godervi questo spettacolo tutto colori, profumi e musica non dimenticatevi di recarvi lì nel mese di Settembre, negli ultimi giorni per essere precisi.

Insomma, Toowoomba, simbolo di città resiliente, ci dimostra che non sempre devastazione porta devastazione.

La bellezza è tutto ciò che alla fine ci rimane come unico antidoto a tutti i mali del mondo, guerre mondiali comprese.

Rispondi