C’era una volta Hay on Wye, la città dei libri

Come festeggiare il Book Lovers Day? Organizzando un viaggio da veri Bibliofili!

Dall’America con furore, le feste più strane del mondo si susseguono una dopo l’altra: ieri la Giornata Mondiale del Gatto, l’altro ieri il Giorno Internazionale del melone ed oggi – rullo di tamburi – è il  Book Lovers Day.

Piccolo suggerimento per chi – come la sottoscritta – di segno zodiacale è Bibliofila con ascendente Viaggiatore: cosa ne dite di prendere la palla al balzo e passare questo 9 agosto organizzando il vostro prossimo weekend da BookWorm?

Ad Hay on Wye, ad esempio, piccola cittadina nel Galles, meglio conosciuta come The Town of Books.

Immaginate un castello pieno di libri, scaffali per le strade e splendide librerie in ogni dove.

Cose che nemmeno Belle de La Bella e la Bestia potrebbe immaginare.

Vi state chiedendo da dove nasca l’idea di trasformare una città in una Book Town?

Ebbene, ecco la storia.

C’era una volta Richard Booth, che per primo aprì un negozio di libri usati in una vecchia caserma di pompieri nella cittadina.

Avendo sentito che molte librerie negli Stati Uniti stavano chiudendo, Booth fece il pieno di volumi e, non molto tempo dopo, tanti altri decisero di seguire il suo esempio dando vita a negozi di libri, molti dei quali specializzati in mercati di nicchia.

Oggi Hay on Wye conta più di 20 librerie, tutte consacrate all’amore per la parola scritta.

Ed ora ciò che stavate aspettando con ansia: la lista dei migliori negozi di libri di questa splendida cittadina del Galles.

  • Murder and Mayhem.

Hay on Wye- WanderGirls Italia

Iniziamo con la mia preferita: una libreria specializzata unicamente in gialli e thriller.

Se siete amanti di Agatha Christie ed estimatori di Sherlock Holmes, questo è il posto giusto per voi. Una volta messo piede in questo minuscolo negozietto, troverete senza dubbio quel libro che avreste voluto leggere da sempre oppure un thriller del quale mai avete sentito parlare.

E l’insegna è davvero unica.

  • The Addyman Annexe.

Questa è senza dubbio la più Instagrammabile di tutte le librerie di Hay on Wye: scaffali vintage, libri sistemati per colore, edizioni illustrate, angoli nascosti dove ammirare i vostri volumi preferiti.

Il mio consiglio è di iniziare la vostra visita con un giro per le foto prima e di dare un’occhiata ai libri da comprare in un secondo momento.

  • Honesty bookshop presso le rovine del castello di Hay.

Eccoci al castello di cui parlavo in precedenza, le cui mura sono coperte da scaffali all’aria aperta, con cassettine per il pagamento dei libri: non ci sono venditori, nessuno controlla cosa si sta facendo, si affidano unicamente all’onestà dei compratori.

L’unico mistero da risolvere è come facciano a mantenere asciutti i libri.

  • Richard Booth’s Bookshop.

Tre piani pieni zeppi di libri di ogni sorta e dimensione, completi di café e di cinema.

A Booth piace fare le cose in grande, cosa dite?

In ogni caso vale assolutamente la pena di vederla, anche perché pare sia proprio da qui che la città ha preso forma.

Libri a parte, ovviamente, Hay on Wye è un villaggetto davvero caratteristico, con ottimi pub e ristoranti dove fermarsi e riposare tra una pagina e l’altra.

E, anche se non siete bibliofili convinti, o viaggiate con qualcuno che non condivide la vostra passione, vale comunque la pena visitarla.

Ecco una liste di cose da fare, che con i libri non hanno nulla a che fare… o quasi.

  • Per gli amanti del vintage e della storia

Grande attrattiva di Hay on Wye sono senza dubbio i negozi dell’antiquariato, il cui numero sta aumentando considerevolmente.

Chi lo sa, magari c’è una solitaria poltroncina vintage che sta aspettando proprio voi, oppure una polverosa mappa antica che sembra fatta apposta per vostro padre.

Non dimenticate, inoltre, di visitare il Castello: la costruzione più imponente della città, lo si vede da lontano che torreggia sul resto degli edifici, ricordo della lunga storia di Hay on Wye.

Passate non solo per ammirare gli scaffali della libreria, ma anche per fare qualche foto al castello stesso. Purtroppo al momento non potrete entrare perché è in restauro, ma sarà visitabile presto.

Ultima tappa per gli amanti del vintage, è il mercatino che si tiene ogni giovedì nel centro della città.

Qui troverete di tutto e di più: libri – ovviamente – ma anche cibo, articoli vintage e tutti quegli oggettini che solo nei mercatini delle pulci si possono comprare.

  • Per gli amanti della natura

Se volete riposare i vostri stanchi occhi, oppure se amate le passeggiate all’aria aperta, la collina che si trova vicino alla cittadina, conosciuta come Hay Bluff, è l’ideale.

Salite in cima, fermatevi, respirate ed ammirate lo splendido panorama che vi circonda.

Oltre a questo, nelle vicinanze di Hay on Wye, c’è anche uno dei più pittoreschi parchi nazionali britannici: il c. Tra sentieri, vallate e villaggi, la vostra voglia di verde e di natura sarà soddisfatta al 100%!

Per finire, qualche ultimo consiglio, se decidete di avventurarvi ad Hay on Wye.

Il momento migliore è il mese di maggio/giugno, durante il quale, ogni anno, si tiene il Festival di Hay, una meta irrinunciabile, soprattutto se amate i libri.

Con ospiti del calibro di Margaret Atwood, dovrete compare i biglietti con largo anticipo, ma ne vale davvero la pena!

Hay on Wye- WanderGirls Italia

Sempre se siete Bibliofili appassionati non dimenticate che, a un paio di ore di distanza da Hay, Starford-upon-Avon, mitica cittadina natale dell’unico ed inimitabile Shakespeare, io ovviamente non me la sono persa.

Buon viaggio e buona lettura!

8 Comments on “C’era una volta Hay on Wye, la città dei libri”

  1. No vabbè! Ma stiamo parlando di meraviglie assolute!!! Io sono un topo da libreria, sempre alla ricerca di luoghi suggestivi dove trovare libri antichi. Pensavo che vedendo “acqua alta” di Venezia avessi raggiunto il top, e invece mi sto mangiando le mani! Devo andare assolutamente, segno tutto!

    1. Io pure adoro i libri… vai, Hay on Wye è davvero un gioiellino! Anche se devo dire che Acqua Alta a Venezia è una delle migliori librerie che abbia visto… Hanno Il Piccolo Principe in dialetto veneto!

  2. No vabbè, non puoi conquistarmi così! Io non riuscirei a vedere nulla del bel paesino di Hay perchè mi perderei a girovagare nelle librerie, e mi fermerei a toccare ogni volume. Che splendido posto!

  3. Amo molto Hay-on-Wye e ci torno spesso se ripasso da quella parte del Galles. Io l’ho amata molto in inverno, con pochissima gente in giro.

Rispondi