Birre artigianali dal mondo: alla scoperta del “Wanderlust | BBP 5th Anniversary Festival”

Birre Belgio - WanderGirls Italia
Prima di vivere in Belgio non mi sarei mai sognata di ordinare una birra al bar. Ma proprio MAI.
Poi il colpo di scena: ora che vivo nella patria delle birre artigianali ho scoperto non solo che sono così varie che ce n’è davvero per tutti i gusti, ma che adoro andare alla scoperta di sapori nuovi o conoscere le mille sfaccettature di uno stesso stile. Questo nuovo interesse mi ha portata, nel corso di questo anno in Belgio, a partecipare a svariati festival di birre artigianali in giro per il Paese. Ho dunque deciso di dedicare questo post ad uno di essi: il Wanderlust | BBP 5th Anniversary Festival, l’ultimo al quale sono stata. Si tratta di un evento organizzato per il quinto compleanno del microbirrificio Brussels Beer Project (BBP, per l’appunto), che ha avuto luogo lo scorso 15 settembre. Dal clima alla location, un evento che è andato alla grande: in riva al canale, una bella atmosfera, il sole, circa 24 gradi, ma, cosa più importante di tutte, ben 14 birrifici diversi da 12 stati! L’acquisto del biglietto online mi ha permesso di avere una tariffa vantaggiosa, ovvero un bicchiere degustazione + 9 birre da 12.5 cl al prezzo di 20 euro (contro i 12 euro per bicchiere + 3 birre da 12.5 cl senza prevendita!). So che a primo impatto ci sarà chi dirà “12.5 cl?? Ma è pochissimo!”, ma vi assicuro che basta e avanza. Resta comunque la possibilità di acquistare ulteriori gettoni… tranquilli! Sì, lo ammetto, sono stata di parte: una volta arrivata, mi sono fiondata al “Galway Bay”, unico birrificio irlandese presente, e ho iniziato con uno dei miei generi preferiti, ovvero una citra session IPA. Adoro le birre molto luppolate, fresche e aromatiche, amare al punto giusto.
L’edificio nel quale si è svolto il festival è una struttura molto interessante, suddivisa su due piani e con una terrazza in legno a piano terra che si affaccia sul canale. La fortuna ha voluto che si trattasse di una giornata praticamente estiva, e così le persone si sono ben distribuite, senza invadere lo spazio al chiuso. All’aperto, due chioschi, specializzati uno in pesce e uno in carne, invitavano grazie ai loro profumi a degustare le birre con un piacevole accompagnamento. Non potevo non prendere una porzione di patate fritte con maionese fatta in casa! Unica pecca è stata che le birre andavano letteralmente a ruba, e così già a partire da varie ore prima della chiusura, alcune di esse non erano più disponibili. Certo, pecca per me, non per loro, che evidentemente hanno avuto un grande pubblico! A differenza di tutti gli altri festival ai quali ho partecipato, in questo vi era la possibilità di far “inlattinare” la propria birra fatta in casa: lo spazio agli homebrewer era assicurato! Ecco, se anche voi, come la me di un tempo, non bevete ASSOLUTAMENTE nessuna birra, provate a dare una seconda opportunità a questa bevanda. Capisco chi continuerà ad odiarla, ma vi assicuro che tra le birre commerciali e quelle artigianali vi è un abisso. Il Belgio è il posto giusto per imparare a bere birra, e quale occasione migliore se non quella di partecipare ad un festival di degustazione? Voilà alcune tra le birre che più ho amato in questo evento:
Birrificio Birra Paese Stile
Galway bay Weights + measures Irlanda citra session IPA
Amundsen Luponic plague 2.0 Norvegia New England IPA
Kaapse brouwers Kendrick Paesi Bassi West Coast IPA
Basqueland brewing Aupa Spagna american pale ale

Rispondi